Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

"I Am Not Scared" Project

Homepage > Database > Publication List

Database

TITLE OF DOCUMENT:

Bullismo a Milano. Rilevazione del fenomeno del bullismo nelle scuole elementari e medie che hanno aderito al progetto “Stop al bullismo” – marzo 2004

NAME OF AUTHOR(S):

Iannacone N., Colombo F., Di Domizio S., Veronesi I.

NAME OF PUBLISHER:

ASL di Milano

LANGUAGE OF DOCUMENT:

Italian

LANGUAGE OF THE REVIEW:

Italian

KEYWORDS:

Definizione – scuola – ruoli – dati - conseguenze

DOCUMENT TYPOLOGY:

Report

TARGET GROUP OF PUBLICATION:

Parents, Policy Makers, Teachers, Researchers, Young People, School Directors.

SIZE OF THE PUBLICATION:

21 - 100 pages

DESCRIPTION OF CONTENTS:

L’ articolo affronta il fenomeno del bullismo e lo definisce come un comportamento aggressivo caratterizzato da tre fatturi: intenzionalità, aggressività che viene messa in atto volontariamente; sistematicità, comportamento aggressivo ripetuto più volte nel tempo; asimmetria di potere, tra le parti coinvolte c’è una differenza dovuta all’età, alla forza fisica, ecc. La vittima sperimenta un senso di inferiorità. Studi recenti hanno identificato varie forme di bullismo: -diretto, quando viene utilizzata la forza fisica per danneggiare l’altro, - indiretto, quando si verificano comportamenti che non sono direttamente rivolti alla vittima, - verbale, quando si utilizza la parola per danneggiare la vittima. Il fenomeno nelle scuole ha portato gli allievi ad assumere diversi ruoli: bullo, aiutante, sostenitore, difensore, esterno, vittima. La ricerca condotta a Milano su più di diecimila alunni e 59 plessi ha dimostrato che Il fenomeno è molto diffuso sia nelle scuole elementare, sia nelle scuole medie e il numero degli studenti coinvolti raggiunge il 64% alle scuole elementari e il 50% alle Medie. La ricerca mostra che quasi la metà degli insegnanti hanno difficoltà a riconoscere atti di bullismo e i genitori non riescono ad avere un dialogo con i propri figli e a trovare modalità di intervento adeguate.

REVIEWER’S COMMENTS ON THE DOCUMENT:

E’ necessario prevedere programmi di prevenzione in grado di promuovere capacità relazionali nel rispetto di sé e degli altri, soprattutto nella scuola elementare. L’indagine mostra che i veri esperti del bullismo sono i ragazzi stessi: sanno individuare le peculiarità e le caratteristiche del fenomeno e sono a conoscenza di ciò che avviene nella classe, ma non sono in grado di intervenire.L’intervento preventivo deve tenere conto di maggiore informazione, programmi specifici rivolti agli alunni, integrazione di diversi ruoli professionali e coinvolgimento dei genitori.

PDF OF THE PUBLICATION:

Bullismo a Milano.pdf

NAME OF THE REVIEWING ORGANISATION:

don Milani

I Am Not Scared Project
Copyright 2017 - This project has been funded with support from the European Commission

Webmaster: Pinzani.it