Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

"I Am Not Scared" Project

Homepage > Database > Publication List

Database

TITLE OF DOCUMENT:

Il gioco della mediazione

NAME OF AUTHOR(S):

Grassi A.

NAME OF PUBLISHER:

Bruno Editore

LANGUAGE OF DOCUMENT:

Italian

LANGUAGE OF THE REVIEW:

Italian

KEYWORDS:

Mediatore – compromesso – sfida – accordo – soddisfazione reciproca

DOCUMENT TYPOLOGY:

Book

TARGET GROUP OF PUBLICATION:

Parents, Policy Makers, Teachers, Researchers, Young People, School Directors.

SIZE OF THE PUBLICATION:

Over 100 pages

DESCRIPTION OF CONTENTS:

Dopo aver illustrato “come” diventare mediatori nella vita quotidiana e in quella professionale, l’autore si sofferma sul “perché” ricorrere alla mediazione per risolvere i conflitti di tutti i giorni.
La sfida della mediazione è quella di raggiungere un accordo rimanendo in buoni rapporti: la reciproca soddisfazione è l’elemento che distingue la mediazione dal compromesso.
Con la mediazione le parti ottengono qualcosa, con il compromesso cedono.
Ecco le 10 buone ragioni + 1 per mediare :
1. la mediazione è un appello alla responsabilità delle parti: le parti sono libere di mediare, sono le vere protagoniste, sono loro che decidono se e in che misura trovare un accordo;
2. la mediazione mira alla conclusione di un accordo: il mediatore, in qualità di terzo imparziale aiuta le parti a trovare un accordo che le soddisfi secondo la formula del win to win;
3. la mediazione si inserisce in una realtà relazionale tenendo in considerazione la durevolezza dei rapporti tra le parti: non solo le parti cooperano per trovare un accordo, ma il raggiungimento dell’accordo consente loro di preservare la relazione nel futuro;
4. la mediazione consente alle parti di esprimere la propria creatività: il mediatore guida le parti nel brainstorming aiutandole a cambiare punto di vista e formulare quante più soluzioni possibili al loro problema;
5. la mediazione va oltre l’oggetto del contendere: il mediatore allarga la torta negoziale;
6. la mediazione si adatta alle diverse situazioni: non è tanto importante l’oggetto del contendere quanto i reali interessi e bisogni delle parti;
7. la mediazione applica le tecniche di negoziazione: si dice sia una negoziazione assistita;
8. la mediazione è un procedimento rigoroso: avviene secondo delle regole prestabilite dal regolamento dell’organismo di mediazione
9. la mediazione è un procedimento riservato
10. la mediazione è un procedimento economico sia in termini di tempo sia di denaro
10+1. la professionalità del mediatore può fare la differenza

REVIEWER’S COMMENTS ON THE DOCUMENT:

Questo testo potrebbe essere interessante come uno degli innumerevoli strumenti per Insegnare ai figli e/o agli studenti a gestire i conflitti con serenità! Affrontare una disputa non è semplice, ma la via migliore consiste nel farlo positivamente attraverso le tecniche di mediazione. Grazie alla lettura di questo libro si potrà scoprire come trasmettere ai più giovani queste capacità di comunicazione e trattativa, e renderli autonomi nella risoluzione dei conflitti tra pari.

NAME OF THE REVIEWING ORGANISATION:

don Milani

I Am Not Scared Project
Copyright 2017 - This project has been funded with support from the European Commission

Webmaster: Pinzani.it