Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

"I Am Not Scared" Project

Homepage > Database > Publication List

Database

TITLE OF DOCUMENT:

Bullismo: che fare?

NAME OF AUTHOR(S):

Questura di Pordenone

NAME OF PUBLISHER:

Polizia di Stato

LANGUAGE OF DOCUMENT:

Italian

LANGUAGE OF THE REVIEW:

Italian

KEYWORDS:

Autostima – relazioni tra pari – tratti identificativi del bullo – “cassette delle prepotenze” - uno sportello psico-pedagogico

DOCUMENT TYPOLOGY:

Report

TARGET GROUP OF PUBLICATION:

Parents, Policy Makers, Teachers, Researchers, Young People, School Directors.

SIZE OF THE PUBLICATION:

1 - 20 pages

DESCRIPTION OF CONTENTS:

Dopo aver analizzato il problema confrontandosi con i ragazzi, la Polizia di Stato si rivolge a genitori ed educatori per un primo vademecum per un comportamento corretto e di sostegno nei casi che spesso sono rilevati anche dalle Forze dell‘Ordine. I giovani vittime di questi comportamenti difficilmente parlano con gli adulti di quello che gli succede. Non si sfogano, si vergognano e hanno paura. Ma i bambini devono imparare che il bullismo è un comportamento sbagliato e che non fa parte del naturale processo di crescita. Perché non rimangano vittime di questo fenomeno bisogna:Aumentare la loro autostima.Incoraggiarli a sviluppare le loro caratteristiche positive e le loro abilità. Stimolarli a stabilire relazioni con i coetanei e a non isolarsi. E' inoltre importante sapere che per non diventare bullo bisogna insegnare ai ragazzi a:Saper esprimere la propria rabbia in modo costruttivo e con maturità. Comunicare in modo sincero. Essere capace di identificarsi con gli altri e capire le conseguenze dei propri comportamenti. Prendere esempio da ciò che si vede a casa. I genitori devono inoltre imparare a cogliere i segnali che i figli possono mandare o nascondere.Alcuni segnali di chi è vittima di bullismo:Trovare scuse per non andare a scuola o voler essere accompagnati. Fare frequenti richieste di denaro. Essere molto tesi, piagnucolosi e tristi dopo la scuola. Presentare lividi, tagli, graffi o strappi negli indumenti. Dormire male o bagnare il letto. Raccontare di non avere nessun amico. Rifiutarsi di raccontare ciò che avviene a scuola.

REVIEWER’S COMMENTS ON THE DOCUMENT:

Può essere utile far compilare agli alunni un questionario e organizzare una giornata di dibattito e incontri fra genitori, fra insegnanti e fra genitori e insegnanti. Ciò è importante per capire le dimensioni del fenomeno. Una migliore attività di controllo durante la ricreazione e la mensa metterebbe al sicuro le potenziali vittime. Sono questi i momenti in cui la maggior parte dei bulli agisce indisturbata. In genere sono gli studenti più grandi a fare i bulli con quelli più piccoli. Si può valutare di dividere gli spazi e i tempi della ricreazione per gli uni e per gli altri. Elogi, ricompense e sanzioni possono servire a modificare il comportamento degli studenti più aggressivi, ma non sono l’unico strumento per far cambiare atteggiamento al bullo. Spesso si ha timore o vergogna di raccontare personalmente ciò che sta succedendo. Potrebbe essere di aiuto, per genitori e vittime, avere un numero di telefono al quale rivolgersi. Si possono istituire “cassette delle prepotenze” dove lasciare dei biglietti con su scritto quello che succede; individuare degli studenti leader che aiutino le vittime; aprire uno sportello psico-pedagogico che sia di riferimento per bambini e adulti.

WHERE TO FIND IT:

http://www.poliziadistato.it/

NAME OF THE REVIEWING ORGANISATION:

don Milani

I Am Not Scared Project
Copyright 2017 - This project has been funded with support from the European Commission

Webmaster: Pinzani.it