Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

"I Am Not Scared" Project

Homepage > Database > Publication List

Database

TITLE OF DOCUMENT:

L’effetto Lucifero. Cattivi si diventa?

NAME OF AUTHOR(S):

Zimbardo P.

NAME OF PUBLISHER:

Raffaello Cortina Editore

LANGUAGE OF DOCUMENT:

Italian

LANGUAGE OF THE REVIEW:

Italian

KEYWORDS:

Bene/male – natura umana – condizionamento – scienza – relazioni interpersonali

DOCUMENT TYPOLOGY:

Book

TARGET GROUP OF PUBLICATION:

Parents, Policy Makers, Teachers, Researchers, Young People, School Directors.

SIZE OF THE PUBLICATION:

Over 100 pages

DESCRIPTION OF CONTENTS:

Il libro si apre con un capitolo introduttivo che delinea il tema della trasformazione del carattere umano, delle persone buone e degli angeli che si mettono a compiere cattive azioni, addirittura azioni malvagie, demoniache. Solleva l'interrogativo fondamentale sull'attendibilità del grado di conoscenza che abbiamo in noi stessi, che fiducia possiamo avere nel pronosticare cosa faremmo o meno in situazioni in cui non ci siamo mai trovati prima.
Il libro è la cronaca dettagliata di un esperimento che testimonia come in persone normalmente tranquillissime e non violente, emergano in certe condizioni delle manifestazioni di ferocia e di sopraffazione.
L'esperimento, che vedeva protagonisti gli studenti del Dipartimento di psicologia dell'Università di Stanford, in California, verteva su una "prigione simulata" e doveva incentrare l'attenzione in modo particolare sui detenuti, simulandone le condizioni e le reazioni in carcere.
24 volontari scelti tra i più stabili psicologicamente, "normali", vennero suddivisi tra prigionieri e guardie senza attribuire a questi ultimi compiti precisi se non il mantenimento dell'ordine evitando abusi e violenze. Tutti, volontari e ricercatori, si attendevano che sarebbe durato due settimane, ma già dal secondo giorno emersero aspetti inquietanti. Le guardie presero subito troppo sul serio il loro compito applicando con crescente entusiasmo le proprie regole. L'esperimento era partito il 15 agosto, il 20 agosto Zimbardo e i suoi decisero di interromperlo e liberarono le vittime: le aggressioni sia fisiche che psichiche erano diventate così terribili da essere paragonate ai modelli nazisti.

REVIEWER’S COMMENTS ON THE DOCUMENT:

C'è qualcosa, nel cosiddetto Male assoluto, che non è affatto mostruoso e non umano, ma proprio umano, troppo umano: qualcosa che ci riguarda tutti, almeno come terribile possibilità non ancora espressa. – scrive Roberto Escobar nella Prefazione all'edizione italiana del libro - Sapere, o almeno sospettare che non ci sono donne e uomini 'normali' e immuni - e che non ce ne sono di votati alla mostruosità -, tutto questo, dunque, potrebbe esserci utile. Zimbardo ci propone una risposta convincente:comprendere il perché di ciò che è stato fatto non significa scusare ciò che è stato fatto. Dopo aver compreso, occorrerà scegliere, e prender partito.

NAME OF THE REVIEWING ORGANISATION:

don Milani

I Am Not Scared Project
Copyright 2017 - This project has been funded with support from the European Commission

Webmaster: Pinzani.it