Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

"I Am Not Scared" Project

Homepage > Database > Publication List

Database

TITLE OF DOCUMENT:

I problemi emotivi e comportamentali dell’alunno

NAME OF AUTHOR(S):

Di Pietro M.

NAME OF PUBLISHER:

Ed. Carlo Amore

LANGUAGE OF DOCUMENT:

Italian

LANGUAGE OF THE REVIEW:

Italian

KEYWORDS:

Comportamento – disagio – star bene a scuola – autostima - counseling

DOCUMENT TYPOLOGY:

Book

TARGET GROUP OF PUBLICATION:

Parents, Policy Makers, Teachers, Researchers, Young People, School Directors.

SIZE OF THE PUBLICATION:

Over 100 pages

DESCRIPTION OF CONTENTS:

Il primo capitolo inizia con una descrizione dei principali disturbi del comportamento del bambino e dell'adolescente, facendo riferimento ai criteri del DSM-IV, il sistema diagnostico più diffuso a livello internazionale.
Nel secondo capitolo viene affrontato il problema dell'autostima e viene descritto un programma d'intervento per il suo potenziamento.
Il terzo capitolo contiene una descrizione delle principali tecniche derivate dall'approccio comportamentale e spiega alcune procedure attuabili all'interno della scuola. L'enfasi viene posta sulle strategie che mirano a modificare il comportamento dell'alunno, ricorrendo soprattutto alla valorizzazione dei suoi punti di forza e delle sue risorse personali, limitando il più possibile il ricorso a metodi punitivi. Nel quarto capitolo si affronta il problema della gestione efficace della classe, soffermandosi sul miglioramento della comunicazione tra insegnante e alunno. Il quinto capitolo si sofferma su un problema piuttosto diffuso nella popolazione scolastica: l'iperattività e le difficoltà attentive che spesso accompagnano tale problema. Il sesto capitolo prende in considerazione il problema dell'aggressività nella scuola, soprattutto in relazione a quei comportamenti di prepotenza e prevaricazione che spesso sono indicati col termine di "bullismo". Vengono al riguardo fornite procedure che si sono rivelate molto efficaci in paesi anglosassoni, dove da tempo al fenomeno del bullismo viene data una particolare attenzione.
Infine il settimo e ultimo capitolo si sofferma sulle manifestazioni d'ansia del bambino e dell'adolescente e vengono indicate alcune linee essenziali del counseling scolastico, facendo soprattutto riferimento a quella metodica cognitivo-comportamentale nota come terapia razionale-emotiva.

REVIEWER’S COMMENTS ON THE DOCUMENT:

Sembra un dato abbastanza certo che nella scuola la presenza di bambini e ragazzi con problemi comportamentali sia sempre in aumento. Sulle cause di questo aumento esistono pareri discordanti. C'è chi invoca un crollo dei valori tradizionali e chi invece considera rilevanti i mutamenti socio-economici avvenuti in questi ultimi cinquant'anni.
Probabilmente esistono molteplici fattori che hanno determinato una maggiore incidenza di alunni problematici nella scuola. Ma ci troviamo di fronte anche un evidente paradosso: malgrado la maggior parte dei ragazzi viva in una condizione di maggior benessere materiale e malgrado la scuola sia diventata molto più "facile" e tollerante, assistiamo anche ad un aumento continuo del livello di infelicità e di disagio emotivo nella popolazione in età scolare.

NAME OF THE REVIEWING ORGANISATION:

don Milani

I Am Not Scared Project
Copyright 2017 - This project has been funded with support from the European Commission

Webmaster: Pinzani.it