Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

"I Am Not Scared" Project

Homepage > Database > Publication List

Database

TITLE OF DOCUMENT:

Giovani e bullismo, vittime e carnefici

NAME OF AUTHOR(S):

Osservatorio delle politiche sul bullismo

NAME OF PUBLISHER:

Osservatorio delle politiche sul bullismo

LANGUAGE OF DOCUMENT:

Italian

LANGUAGE OF THE REVIEW:

Italian

KEYWORDS:

Cyberbullismo - Anti Bullying Alliance - Consorzio Gioventù Digitale -6° Rapporto sulla condizione dell’infanzia e l’adolescenza - Le nuove frontiere del bullismo – tavola rotonda

DOCUMENT TYPOLOGY:

Report

TARGET GROUP OF PUBLICATION:

Parents, Policy Makers, Teachers, Researchers, Young People, School Directors.

SIZE OF THE PUBLICATION:

Not relevant

DESCRIPTION OF CONTENTS:

Aumentano gli episodi di bullismo nelle scuole, molti non sono neanche denunciati. Ma i ragazzi subiscono anche un bullismo virtuale, informatico, tecnologico. Se ne è parlato nell’ultimo trimestre del 2010 presso l'Aula Magna dell'I.T.I.S. Galileo Galilei in via Conte Verde, 51 a Roma, dove ha avuto luogo la tavola rotonda "Le nuove frontiere del bullismo".Sono di seguito segnalati i punti salienti e i partecipanti ai lavori:
Il Consorzio Gioventù Digitale, associazione no profit del Comune di Roma, impegnata nella lotta al Digital Divide, invita studenti, docenti ed esperti ad approfondire il fenomeno per mettere a punto strategie in grado di combattere anche le nuove forme di bullismo tecnologico.
Oltre il 35% degli studenti ammette che a scuola si verificano atti di prepotenza e gli esperti che hanno redatto il 6° Rapporto sulla condizione dell’infanzia e l’adolescenza (Eurispes-Telefono Azzurro) sottolineano come i contorni del fenomeno siano ancora incerti, perché gli atti di bullismo restano per lo più avvolti nel silenzio.
Ancora più nascosti e invadenti sono i fenomeni di bullismo legati all’uso ‘perverso’ di telefonini e dispositivi informatici: secondo uno studio dell’Anti Bullying Alliance di Londra un giovane su cinque è vittima di “aggressioni”, attraverso blog, forum, mail (chat-web bullying) e sms (text bullying).
L’incontro è stato realizzato con il contributo della Legge 285/97 e ad esso hanno partecipato il Ministro alle Politiche Giovanili e Attività Sportive Giovanna Melandri, il Presidente del Consorzio Gioventù Digitale Tullio De Mauro e l’Assessore alle Politiche Educative e Scolastiche del Comune di Roma Maria Coscia.

REVIEWER’S COMMENTS ON THE DOCUMENT:

Visto il grande numero di partecipanti a livello politico e la folta presenza di assessorati, tutti rivolti alla problematica giovanile, la riuscita della tavola rotonda fa riflettere sulle possibilità che ogni ente pubblico ha per consolidare le proposte che spesso restano solo sulla carta o nelle buone intenzioni.Inoltre i riferimenti e citazioni fornite dagli altri Paesi Europei arricchiscono il piano di lavoro proposto al fine di produrre in tempi brevi un nuovo e più positivo rapporto sulla condizione giovanile.

NAME OF THE REVIEWING ORGANISATION:

don Milani

I Am Not Scared Project
Copyright 2017 - This project has been funded with support from the European Commission

Webmaster: Pinzani.it