Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

"I Am Not Scared" Project

Homepage > Database > Good Practies List > Good Practice Form

Database

TITLE OF GOOD PRACTICE:

Io me ne frego! Uno spettacolo sul bullismo

KEYWORDS:

Bullo / inganno / maldicenze / soprusi / teatro

GOOD PRACTICE TYPOLOGY:

National Project

TARGET GROUPS:

Insegnanti, Alunni, Genitori, esperti

WORKING GROUP COORDINATING THE INITIATIVE:

Servizio familgia, infanzia e età evoluiva dell’asl di Milano, gruppo teatrale Quelli del Grock, consulenza scientifica Nicola Iannacone, studenti e docenti di scuole secondarie di Milano

COUNTRY WHERE IT TOOK PLACE:

Italia

LANGUAGE OF THE REVIEW:

Italian

DEFINITION OF TARGET GROUP:

Parents, Teachers, Young People.

DESCRIPTION OF THE GOOD PRACTICE:

Attività teatrale realizzata descrive la relazione tra due amici d’infanzia che vedono distruggersi un po’ alla volta perché uno dei due si lascia coinvolgere dalla superficialità e negatività degli altri, facendo subire all’amico soprusi di ogni genere. La sceneggiatura e la recitazione sono effettuate da studenti che interpretano il ruolo della vittima e del bullo con la sua gang. Sono state utilizzate musiche ascoltate dai giovani, mentre i dialoghi sono stati tratti dall’elaborazione di un questionario elaborato da docenti e esperti dell’asl di Milano e somministrato ai ragazzi durante un anno scolastico alla ricerca delle contraddizioni nei vari personaggi. Sono chiamati in causa perciò anche i più timidi tra gli alunni che sono spinti dal desiderio di confrontarsi direttamente con il problema.












RESULTS:

I protagonisti e gli spettatori sono stati coinvolti positivamente e la loro reazione è stata quella di impegnarsi per un eventuale lavoro sul tema sui termini essenziali conosciuti attraverso la pratica relativi al bullismo. Tale attività è risultata costruttiva perché può inserirsi facilmente in qualsiasi curricolo sulla comprensione dei testi relativi al bullismo e sull’arricchimento lessicale. E’ stato costituito infatti un database dedicato alla spiegazioni di termini relativi al bullismo di cui i ragazzi erano a conoscenza solo a livello teorico. I vari termini vengono suddivisi in tre categorie: sentimento, idea e azione (es. spiare (azione); capro espiatorio (idea); pregiudizio (sentimento); ecc..). sono state coinvolte nel corso degli anni 86 scuole primarie e secondarie e 1500 insegnanti.

INDICATORS:

Detection protocol, Intervention protocol, Classroom management, Whole-school anti-bullying policy, Cooperative group work, Videos, Peer support, Intensity children (20 h or more).

NAME OF COMPILER:

Project team

NAME OF INSTITUTION:

don Milani

ROLE:

coordinator

I Am Not Scared Project
Copyright 2017 - This project has been funded with support from the European Commission

Webmaster: Pinzani.it