Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

"I Am Not Scared" Project

Homepage > Database > Publication List

Database

TITLE OF DOCUMENT:

Relazione sull’attività del numero verde antibullismo del Ministero Dell’istruzione dell’Universita’ e della Ricerca

NAME OF AUTHOR(S):

Volpini L.

NAME OF PUBLISHER:

legalità, responsabilità e cittadinanza

LANGUAGE OF DOCUMENT:

Italian

LANGUAGE OF THE REVIEW:

Italian

KEYWORDS:

Numero verde – consulenza – ascolto – peer education – patto corresponsabilità

DOCUMENT TYPOLOGY:

Report

TARGET GROUP OF PUBLICATION:

Parents, Teachers, School Directors.

SIZE OF THE PUBLICATION:

1 - 20 pages

DESCRIPTION OF CONTENTS:

Il MIUR ha istituito un numero verde (800-66-96-96) per l’ascolto, la prevenzione e la consulenza sul fenomeno del bullismo a cui, tra gli altri esperti e psicologi, risponde la Dottoressa Laura Volpini, docente di Psicologia Giuridica dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.Nella relazione viene segnalato il capillare lavoro che si riesce a svolgere attraverso questo numero verde: migliaia sono le telefonate con richieste che provengono da tutto il personale della scuola insegnanti, ragazzi e ragazze, dirigenti scolastici, famiglie e personale ATA.Distinguendo le varie segnalazioni, risultano essere in maggior numero quelle provenienti dai ragazzi e dalle ragazze di tutte le fasce d’età anche se i casi più gravi provengono dalla scuola media inferiore, in linea per altro con le tendenze del fenomeno anche negli altri Paesi Europei. In vari casi il Numero Verde diventa un primo approccio al problema da parte dei ragazzi che solo dopo un certo periodo di tempo riescono a raccontare delle prepotenze subite dai compagni ai loro genitori, infatti gli episodi di bullismo avvengono generalmente in assenza di figure adulte e nei momenti di ingresso, uscita dalla scuola e nei momenti di ricreazione.Gli obiettivi della consulenza del Numero Verde pertanto seguono di pari passo le difficoltà dei ragazzi nell’affrontare la loro situazione sia con altri compagni, sia con fratelli maggiori ma anche con genitori e il mondo della scuola.Altro obiettivo importante e collegato al precedente si riferisce all’attività di empowerment della vittima che mira a risvegliare nella persona risorse cognitive, relazionali e di gestione delle emozioni per fronteggiare e prevenire ulteriori episodi di vittimizzazione.Quando invece le richieste di consulenza provengono dai dirigenti e dagli insegnanti, sono mirate ad avere risposte sul piano delle strategie di intervento che si possono inserire in un piano dell’offerta formativa per risolvere i casi e per prevenire il fenomeno. Nel caso di bullo conclamato invece vengono poi costruite in sintonia tra esperto e rappresentante della scuola le possibili forme per riparare il danno che è stato prodotto, al fine di attivare un senso di responsabilità in coloro che agiscono da bulli, spingendoli a confrontarsi con le conseguenze di ciò che hanno fatto.Ne consegue che tutti gli strumenti segnalati hanno come punto di forza la capacità dell’adulto di rendere i ragazzi stessi protagonisti, facendoli parlare ed agire fra di loro attraverso il metodo della peer-education e della mediazione tra pari.In ultimo vengono date informazioni sugli osservatori regionali per l’intervento e la prevenzione del fenomeno e vengono fornite informazioni sui progetti e le buone pratiche a livello locale che vengono raccolte sul sito: www.smontailbullo.it

REVIEWER’S COMMENTS ON THE DOCUMENT:

Dall’analisi dell’excursus sull’attività del Numero Verde si può dire che si assiste a situazioni conflittuali tra ragazzi, scuola e famiglia che si manifestano molto spesso a più livelli, l’obiettivo degli esperti è quello di risvegliare la capacità di monitoring del genitore, che consiste in uno stile non giudicante ma aperto verso le esperienze dei figli; inoltre le competenze degli esperti possono permettere che il fenomeno emerga, contenendo allarmismi, affrontando i problemi, incoraggiando una comunicazione efficace e stimolando sia le risorse personali sia quelle di sistema.Non ultima è la necessità dell’informazione sull’uso di strumenti standardizzati e attendibili a livello nazionale e internazionale come quelli presentati nell’articolo. Infine si rende indispensabile promuovere quel Patto di Corresponsabilità fra tutti i soggetti che a diverso titolo, stanno dentro e intorno al mondo della scuola.

NAME OF THE REVIEWING ORGANISATION:

Don Milani

I Am Not Scared Project
Copyright 2017 - This project has been funded with support from the European Commission

Webmaster: Pinzani.it