Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

"I Am Not Scared" Project

Homepage > Database > Publication List

Database

TITLE OF DOCUMENT:

Bullismo: indicatori e fattori predittivi di un fenomeno in crescita

NAME OF AUTHOR(S):

Blitz Quotidiano.it

NAME OF PUBLISHER:

Centronline.it

LANGUAGE OF DOCUMENT:

Italian

LANGUAGE OF THE REVIEW:

Italian

KEYWORDS:

Scuola – famiglia – definizione del fenomeno - comportamento aggressivo – soluzioni

DOCUMENT TYPOLOGY:

Web Article

TARGET GROUP OF PUBLICATION:

Parents, Policy Makers, Teachers, Researchers, Young People, School Directors.

SIZE OF THE PUBLICATION:

Not relevant

DESCRIPTION OF CONTENTS:

Il termine “bullismo” deriva dall’ inglese “bullying” e connota il fenomeno delle prepotenze tra pari in gruppo. “Uno studente è oggetto di azioni di bullismo, ovvero è prevaricato, o vittimizzato, quando viene esposto ripetutamente nel corso del tempo, alle azioni offensive messe in atto da parte di uno o più compagni”. Da ciò deriva che le diverse forme, in cui si manifesta il fenomeno, sono: comportamenti fisici, indiretti e verbali come, ad esempio, percosse, sms, foto e chiamate telefoniche che partono da una singola persona o da un gruppo con l’obiettivo intenzionale di danneggiare e far del male ad un coetaneo considerato “debole”. All’interno dei comportamenti bullistici sono racchiuse una serie di problematiche che coinvolgono insegnanti e genitori. Molti adulti tendono a sottovalutare il problema, ma il bullismo ha serie conseguenze per le vittime, che durano fino all’età adulta.
Recenti studi hanno registrato un maggior coinvolgimento dei maschi nel ruolo di bullo e, se questo atteggiamento non viene stigmatizzato, tende a ripetere nel tempo. Nella maggior parte dei casi, è la scuola il luogo privilegiato dai bulli, soprattutto nei momenti in cui il controllo degli adulti viene a mancare.
Spesso sono proprio i genitori a sottovalutare i comportamenti violenti e ribelli dei loro figli.

REVIEWER’S COMMENTS ON THE DOCUMENT:

L’articolo affronta l’argomento del bullismo riassumendo in maniera schematica , ma completa, le caratteristiche del fenomeno soprattutto dal punto di vista scolastico. Dopo la definizione e una breve raccolta di dati relativi a studi e ricerche, l’autore passa in rassegna alcune pratiche di prevenzione. In primo luogo il coinvolgimento della famiglia, in secondo luogo la relazione all’interno del gruppo classe. Infine il coinvolgimento del bullo in attività laboratoriali e teatrali, in cui possa esprimere i propri contenuti costruttivi e positivi. Si sottolinea inoltre la necessità del coinvolgimento della vittima in attività di recupero, come il mentoring, metodo uno a uno, in cui la vittima, che presenta problemi relazionali, viene ascoltato e guidato da un educatore/mentore.

WHERE TO FIND IT:

www.centronline.it/rubriche/approfond...

NAME OF THE REVIEWING ORGANISATION:

don Milani

I Am Not Scared Project
Copyright 2017 - This project has been funded with support from the European Commission

Webmaster: Pinzani.it