Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

"I Am Not Scared" Project

Homepage > Database > Publication List

Database

TITLE OF DOCUMENT:

Il bulli non sanno litigare! L’intervento sui conflitti e lo sviluppo di comunità

NAME OF AUTHOR(S):

Novara D., Regogliosi L.

NAME OF PUBLISHER:

Carocci Editore

LANGUAGE OF DOCUMENT:

Italian

LANGUAGE OF THE REVIEW:

Italian

KEYWORDS:

Gruppo – conflitto – comunità – gestione della crisi - prevenzione

DOCUMENT TYPOLOGY:

Book

TARGET GROUP OF PUBLICATION:

Parents, Teachers, Researchers, School Directors.

SIZE OF THE PUBLICATION:

Over 100 pages

DESCRIPTION OF CONTENTS:

Che fare del bullismo? Atti di violenza e bullismo trovano vasta eco nei media ma insegnanti, educatori e genitori non sanno come affrontarlo. I bulli non sono dei gradassi né semplici prepotenti. Il bullismo fa gravi danni e va contrastato. Ma come? Dopo anni di ricerche e interventi centrati sugli individui, nell’improbabile missione di rendere i bulli più “buoni” e le vittime meno indifese, questo libro propone una svolta nella direzione di una maggiore efficacia degli interventi pedagogici. Il gruppo e il potere del gruppo di trasformare i comportamenti individuali vengono messi al centro dell’attenzione e dell’operatività degli insegnanti. Vengono proposti due modelli operativi, corredati da precisi e sperimentati strumenti. L’ipotesi di partenza è che il bullismo non è solo un’ingiustizia, quanto una incompetenza conflittuale e socio-relazionale. Quando viene potenziata la capacità dei gruppi di essere comunità e di sapere come gestire i conflitti, il fenomeno si ridimensiona perché non trova più un terreno fertile per svilupparsi. È una svolta impegnativa che richiede la coesione educativa e l’impegno degli adulti, ma dove ci sono le condizioni per poterla attuare, funziona efficacemente.

REVIEWER’S COMMENTS ON THE DOCUMENT:

A fronte delle crescenti preoccupazioni degli adulti rispetto a situazioni di prevaricazione e violenza tra minori, la tentazione è quella di cercare risposte rapide, eludendo questioni che attengono le politiche educative e più in generale le politiche per i minori all'interno dell'orizzonte dei diritti e delle opportunità. La necessità è oggi quella di potenziare progettualità che, con la convergenza di soggetti diversi dentro una programmazione territoriale, individuino, quale percorso culturale e di metodo, la costruzione di progetti attinenti l'acquisizione/affinamento di competenze sull'alfabetizzazione alle emozioni e agli affetti, sulla promozione di relazionalità, sulla gestione dei conflitti. Nella convinzione che questa sia la strada giusta, e che semplificazioni e scorciatoie non funzionino

NAME OF THE REVIEWING ORGANISATION:

don Milani

I Am Not Scared Project
Copyright 2017 - This project has been funded with support from the European Commission

Webmaster: Pinzani.it